MAPPA DEL SITO
> L'APPROFONDIMENTO

L'INVENTORE DELLA MACCHINA AFFRANCATRICE


Per quasi un secolo l'inventore della macchina affrancatrice è stato ritenuto un norvegese, Carl Uchermann, che progettò le prime macchine costruite e commercializzate dalla Krag nel 1903. C'era nozione di un brevetto americano in data precedente e di varie altre iniziative ma non si era mai vista una impronta effettivamente usata postalmente.

Fu solo alla Esposizione Filatelica PACIFIC '98 che venne scoperta una raccomandata affrancata è questa la parte "dirompente" della storia - con una macchina progettata e costruita da un italiano: il Conte Detalmo Savorgnan di Brazzà.

Specimen 135

Furono trovate ineccepibili documentazioni (giornali dell'epoca, gli originali del brevetto, una fotografia del costruttore accanto alla sua macchina). Mestamente, noi meccanofili italiani dovemmo dichiarare... che non ne sapevamo niente.

Il redattore di AICAM News Nino Barberis, con la collaborazione di Gastone Jervasutti, Presidente del Circolo Filatelico Sandanielese, è riuscito ora a mettere insieme informazioni storiche sull'inventore, che aveva sempre vissuto tra il suo Friuli e gli Stati Uniti e che era fratello del più famoso Savorgnan di Brazzà: quello che esplorò il Congo. La sua capitale, Brazzaville, ha preso il nome dal paesino friulano dal quale era originaria la sua famiglia.

Sul Numero Unico edito in occasione della 42ª edizione della FILSANDA, la bella manifestazione che si tiene nell'agosto di ogni anno a San Daniele del Friuli, Nino Barberis ha pubblicato un articolo di ben dieci pagine con una completa rievocazione della vita del Conte Detalmo, e con tutti i particolari della sua invenzione, illustrando la macchina originaria e descrivendone il funzionamento. Su iniziativa congiunta dell'AICAM e degli organizzatori di FILSANDA è stata poi approntata una cartolina sulla quale è stato applicato uno specimen celebrativo, il cui bozzetto è stato disegnato dal famoso artista brasiliano (di origini italiane) Biaggio Mazzeo, traendolo da una delle pochissime fotografie esistenti del Conte Detalmo Savorgnan di Brazzà.

Copia dell'articolo, con il relativo specimen, possono essere richieste alla Segreteria dell'AICAM allegando 2 Euro in francobolli a rimborso delle spese di stampa e postali.


pagina precedente / pagina seguente