MAPPA DEL SITO
> L'APPROFONDIMENTO

AFFRANCATURE MECCANICHE NATALIZIE


Ormai da qualche decennio la consuetudine di utilizzare le affrancature meccaniche come messaggi augurali natalizi si è largamente diffusa anche in Europa. Si tratta però quasi sempre di soggetti standard, che vengono proposti dai costruttori di macchine, fornendo una targhetta che viene messa in uso all'approssimarsi delle festività. Anche se l'impronta viene personalizzata con il nome dell'utente, dal punto di vista collezionistico non presentano grandi attrattive, data la monotonia del soggetto centrale.

L'utilizzo di macchine affrancatrici per trasmettere gli auguri natalizi era invece già radicato negli Stati Uniti sin da prima del 1940 ed ebbe forse la sua massima diffusione nei due decenni successivi al 2 conflitto mondiale. Oltre alle vignette standard (inventate proprio negli Stati Uniti dalla Pitney Bowes) esistono almeno 500 tipi differenti, ma la stima - si dice - è molto conservativa. Per questa ragione le collezioni di A.M. natalizie statunitensi presentano attrattive ben superiori a quelle delle loro omologhe europee, a prescindere dal fatto che possono fare largamente ricorso a materiale ormai classico.

Su un prossimo numero di AICAM NEWS verrà presentato un gruppetto di impronte americane sicuramente mai viste finora in Italia. Le mostriamo in anteprima, con il vantaggio di poterle proporre nei loro colori originali.

In Fig. 1 l'A.M. natalizia usata dalla Lockheed Aircraft Corp., che mostra Babbo Natale a cavalcioni di un aereo a reazione; in Fig. 2 la targhetta usata da un'associazione per il soccorso all'infanzia che dice "Natale è un'occasione speciale per ricordare i bambini bisognosi".

1 Natale 2012-01 Natale 2012-02 2

Curiosa quella di Fig. 3. "Non aprire prima di Natale" e incisiva quella di Fig. 4: "Regala cibo per Natale", segno che anche nei ricchissimi Stati Uniti c'era gente che non se la sfangava tanto bene.
3 Natale 2012-03 Natale 2012-04 4

La rossa di Fig. 5 incuriosisce a sua volta per gli auguri in quattro lingue e quella di Fig. 6 per lo sconosciuto mittente, che è poi risultato essere la American Hospital Association, una specie di confraternita tra ospedali, cliniche e case di cura.
5 Natale 2012-05 Natale 2012-06 6

Le A.M. 7 ed 8 sono state usate, rispettivamente per gli auguri di Natale e per il Nuovo Anno, dalla famosa "Città del Fanciullo" di Padre Flanagan, che dispone di un ufficio postale proprio.
7 Natale 2012-07 Natale 2012-08 8

Non è stato possibile individuare il mittente dell'impronta di Fig. 9, dove si vede Babbo Natale con la dicitura "Dove cresce il tuo agrifoglio di Natale".
9 Natale 2012-09

La Fig. 10 è stata aggiunta successivamente dopo aver fatto la curiosa scoperta che Richmond, in Virginia, è la "città delle candele". Una associazione culturale locale, per tenere viva la tradizione, ha sponsorizzato questa rossa invitando ad accendere una candela a Natale.

10 Natale 2012-10

Le impronte mostrate ci offrono anche l'occasione per discettare su alcuni aspetti della regolamentazione postale americana.

La Fig. 9 non reca la data e si nota con evidenza che ha una tariffa ridotta. In verticale, a sinistra del datario, c'è la dicitura - abbreviata - di "Section 34.66 Postal Laws and Regulations", che indica appunto la concessione di una tariffa speciale ridotta. Però non doveva essere indicata la data di spedizione; si trattava in genere di invii in quantità: le lettere venivano avviate "senza priorità" e non si voleva che il destinatario facesse reclami per ritardata consegna.

Nei casi delle Figg. 2, 7 e 8 si nota che si tratta di tariffe speciali ridotte concesse a mittenti con la qualifica "Non Profit Organisation": anche qui lo si rileva dallo "slug" in verticale a sinistra del datario.


pagina precedente / pagina seguente