MAPPA DEL SITO
> L'APPROFONDIMENTO

80 ANNI DALLA PRIMA ROSSA ITALIANA


Ottanta anni fa, esattamente il 26 giugno 1927, prendeva il via in Italia il sistema di affrancatura meccanica della corrispondenza.

La prima macchina ad entrare in funzione fu una Francotyp che la Soc. Audion, rappresentante per l'Italia della omonima Casa tedesca, aveva messo in servizio in un piccolo ufficio postale alle "Esposizioni Riunite Littoriale", che si inauguravano quel giorno nel nuovo stadio bolognese.

AM Esposizioni Riunite Littoriale

Il sistema fu intelligentemente propagandato con un'affrancatura offerta in omaggio dalla stessa Audion a tutti quelli che desideravano spedire una cartolina augurale; la macchina ebbe poi un crescente utilizzo per tutta la durata della manifestazione (fino al 10 luglio 1927). Si calcola che nel primo giorno d'uso siano stati affrancati non più di un migliaio di pezzi (i due numeri estremi finora rinvenuti sono il n. 8 ed il n. 779) e, complessivamente, più di 13.000 pezzi (è noto il n. 13.008 recante la data dell'ultimo giorno d'uso di questa targhetta.

I Soci dell'AICAM hanno finora rinvenuto meno di un centinaio di queste impronte che pertanto sono da considerare di una certa rarità. La dispersione naturale è stata notevole; inoltre non c'è stato alcun artificioso accumulo da parte di collezionisti o di commercianti, trattandosi di un genuino prodotto postale utilizzato effettivamente ed esclusivamente per affrancare della corrispondenza e non prefabbricato per scopi filatelici.

L'impronta "Littoriale" è ritenuta il Penny Black della meccanofilia italiana. Quest'anno torna alla ribalta con le celebrazioni del suo 80 anniversario, ma è sempre stata al vertice della considerazione da parte dei collezionisti per la sua serietà.

Un'ultima considerazione. Le macchine Francotyp erano vendute in Italia, ottanta anni fa, dalla Soc. Audion di Milano, che le vende ancora oggi. Un esempio di fedeltà che dimostra anch'esso una estrema serietà da parte dei due partner, che hanno entrambi contribuito a costruire la storia dell'affrancatura meccanica in Italia e nel mondo.


pagina precedente / pagina seguente